QS World University Rankings® by Subject: NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana ed è presente nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art&Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
1 PROGETTI
Hackathon
Future Fields

NABA, in collaborazione con OpenDot, il Fab Lab, hub di ricerca e open innovation, ha presentato Future Fields - Urban farming for the Milan of Tomorrow, un hackathon online nato allo scopo di ripensare il futuro dell’agricoltura urbana attraverso il metodo dello speculative design, disciplina il cui obiettivo è quello di far scaturire domande concrete sulle direzioni che vogliamo prendere per il nostro domani. L’iniziativa fa parte del progetto europeo OpenAgri, cui è a capo il Comune di Milano insieme a Camera di Commercio Milano MonzaBrianza Lodi. 

NABA - Progetti
Project Experience

NABA crede fortemente nel lavoro sinergico con le Aziende.

Il rapporto con le realtà lavorative si intensifica ogni giorno di più ed è un concreto scambio di punti di vista.

Dei nostri studenti da un lato che, ancora liberi dalle regole scritte e non scritte del mondo del lavoro, progettano realmente out-of-the-box e delle aziende e dalle persone che ci lavorano, che conoscendo fondo la propria realtà, hanno le competenze e la capacità di visione per mettere a terra le idee.

Una reale sinergia, un mix che permette di innovare e proiettare le persone e le realtà coinvolte nel PROGETTARE prima e nel FARE dopo... insieme.

Collaborazioni