QS World University Rankings® by Subject: NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana ed è presente nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art&Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

NABA è lieta di annunciare la selezione nell’ADI Design Index, la pubblicazione annuale di ADI Associazione per il Disegno Industriale che raccoglie il miglior design messo in produzione, selezionato dall'Osservatorio permanente del Design ADI, di due progetti realizzati dalle ex studentesse dell’Area Design dell’Accademia.

Congratulazioni a Miriam Re Cecconi, Nicole Eleonora Pizzi, ex studentesse del Triennio in Design, selezionate con il loro progetto di tesi di laurea, “Borgomezzavalle: il paese degli specchi” creato allo scopo di generare nuova attrattività nel piccolo comune della valle Antrona, in provincia di Verbano Cusio Ossola, portando al paese flussi turistici, e invitare gli stessi abitanti a vedere con occhi nuovi le meraviglie locali. Il progetto, elaborato con la supervisione di Claudio Larcher, Design Area Leader di NABA, consiste di un’installazione di specchi diffusi progettata per richiamare l’attenzione su diversi luoghi del borgo, mostrando scorci nascosti e coinvolgendo il visitatore, che non è solo un osservatore passivo ma può interagire con alcune strutture per cambiare la visuale, in un percorso conoscitivo ideato per spingerlo a esplorare e perdersi tra le vie. Le strutture portanti degli specchi sono state realizzate in ferro in omaggio alla memoria artigiana locale.

Complimenti anche ad Alice Andrea Cappelli, alumna dello stesso Triennio, in selezione con “Sei Uno – 61 elementi per il tuo essere unico” un progetto di tesi open-source, rivolto a bambini affetti da autismo o con difficoltà nella motricità fine. Il progetto, che ha visto la supervisione di Claudio Larcher, nasce per aiutarli nelle più semplici attività quotidiane: 61 elementi stampati in 3D che, assemblati, formano quattro oggetti scomponibili. Attraverso questi strumenti i bambini, con l’aiuto di un tutor, possono svolgere esercizi di difficoltà graduale per aumentare abilità e autonomia Una forma di Design for All che mira all’autonomia e quindi all’inclusione, perché superare le difficoltà manuali possa servire anche ad accorciare le distanze sociali.