QS World University Rankings® by Subject: per il secondo anno consecutivo NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana e nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art & Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

NABA è lieta di annunciare che Giovanni Tortora e Filippo Zonno, alumni del Triennio in Design, con i loro progetti di tesi elaborati con la supervisione dell’Area Leader Claudio Larcher; Paolo Stefano Gentile, Pietro Gaeli e Simone Caronni, alumni del Triennio in Design, con il progetto elaborato con la supervisione della docente Barbara Pollini; e Matteo Brasili, alumnus del Biennio in Product Design, con il suo progetto di tesi creato con la supervisione del docente Luca Buttafava, sono stati selezionati tra i finalisti del concorso dedicato al design circolare Ro Plastic Prize 2020, ed espongono i loro lavori nell’omonima mostra in corso al Museo della Scienza e della Tecnologia dal 28 settembre al 4 ottobre. 

Plastiglomerate”, il progetto di Giovanni Tortora, in selezione per la categoria Awareness on Communication, è una riflessione sull’impatto umano sull’ambiente che nasce allo scopo di permettere a tutti di apprezzare una nuova forma di artefatto naturale, il semi-minerale di recente formazione, nato dall’inquinamento della plastica in mare.

Filippo Zonno propone invece con il progetto “RE-BOE”, selezionato per la categoria Industrial Design, nato a partire dall’idea di recuperare la plastica dal mare o dalle zone costiere per poi riutilizzarla per progettare boe, eliminando il rifiuto di plastica dal mare, restituendogli la forma di prodotto utile e obbligatorio.

Con il progetto “Peel Saver, ecological fries packaging”, selezionato per la categoria Packaging Solutions, Paolo Stefano Gentile, Pietro Gaeli e Simone Caronni, presenta un packaging ecologico per lo street food, ricavato dagli scarti dello stesso attraverso la rielaborazione delle bucce di patata, un materiale biodegradabile al 100%.

Selezionato per la categoria Conscious Innovation Projects, il progetto di Matteo Brasili “Tre Miglia”, è uno strumento che nel corso della navigazione funziona come un setaccio a elica per raccogliere le microplastiche galleggianti sulla superficie del mare.

Il concorso, ideato da Rossana Orlandi con la direzione artistica di Aldo Cibic allo scopo di sensibilizzare al riuso e al riciclo della plastica, fa parte del progetto Ro Guiltlessplastic, e ha previsto la presentazione di progetti concretamente realizzabili e capaci di un valore aggiunto da impiegare al servizio di una risoluzione fattiva in termini di impatto ambientale.

Ro Plastic Prize
Solo su prenotazione tramite App ufirst
Dalle ore 10 alle ore 19
Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Via San Vittore 2, Milano

 

News correlate

Il premio di design di NABA: i vincitori dell’edizione 2022

Il 17 maggio, la sala Excelsior di Anteo Palazzo del Cinema ha ospitato la cerimonia di premi...

QS World University Rankings® by Subject 2022

QS World University Rankings® by Subject 2022: ancora una volta, NABA fra le 100 migliori...

NABA vince nell’ambito del programma Erasmus+

NABA è lieta di annunciare la vittoria del bando Erasmus+ KA210, lanciato a marzo 2021...