QS World University Rankings® by Subject: per il secondo anno consecutivo NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana e nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art & Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

NABA presenta il primo capo di abbigliamento Made in NABA: una maglia in eco cachemire, ideata dalla studentessa del Triennio in Fashion Design Marta Reparaz Lipperheide. Realizzata nel campus NABA in collaborazione con Shima Seiki Italia, leader mondiale nella produzione di macchinari per la maglieria, utilizzando le tecnologie messe a disposizione dal partner nel Laboratorio di Maglieria dell’Accademia, ha visto il supporto tecnico di Filati Naturali, brand che ha nella ricerca sulle materie prime e sull’evoluzione del cardato i propri focus, con il materiale cardato composto da cachemire rigenerato.

Il progetto è il risultato di un concorso aperto agli studenti del terzo anno del Triennio in Fashion Design dei campus di Milano e Roma e dei Bienni in Fashion Design e in Textile Design nella sede di Milano. Con il coordinamento Saverio Palatella, docente NABA e project leader, con Colomba Leddi, Fashion Design Area Leader, Luca Belotti, Course Leader dei Bienni Specialistici in Fashion e in Textile Design, Michele Corradini, Course Leader del Triennio in Fashion Design, Sara Khalilnejad, Fashion Design Academic Assistant e Gianluca Catalani, Fashion Laboratory Assistant, il progetto è nato dall’esigenza di creare un prodotto di qualità che rappresentasse l’appartenenza alla comunità NABA e i valori della sua Area Fashion Design in termini di design thinking responsabile e innovativo, mantenendo al contempo un alto senso di sofisticatezza e unicità.

Il design di Marta Reparaz Lipperheide, selezionato da una giuria composta da docenti NABA, referenti di Shima Seiki Italia e professionisti del settore, si ispira allo stile Ivy League contemporaneo, caratterizzato dai colori accesi e reso genderless dalla vestibilità ampia.

Dal punto d’incontro tra la creatività NABA, l’approccio tecnologico di Shima Seiki e l’attenzione alla sostenibilità di Filati Naturali è nata quindi la prima maglia Made in NABA pronta per essere prodotta in numero limitato e che sarà donata a una selezione di Alumni che condividono e rappresentano i valori dell’Accademia e che li raccontano quotidianamente attraverso il loro percorso lavorativo.

La maglia in eco cachemire sarà esposta alla prossima edizione di Pitti Filati, l'appuntamento semestrale dedicato al mondo del tessile, dei filati, delle fibre e dei settori merceologici complementari alla filatura e alla maglieria che avrà luogo presso la Stazione Leopolda a Firenze dal 2 al 4 febbraio 2022, presso lo spazio di Shima Seiki Italia - Stand D/1.

News correlate

La collaborazione fra NABA, Canon e Acer per il workshop sulla comunicazione visiva

Pensare, progettare e seguire l’intero processo di realizzazione di una campagna di com...

Gli studenti NABA collaborano con la rivista online/digitale de lafeltrinelli.it

Sperimentare nuovi linguaggi espressivi e accogliere l’eterogeneo sguardo sul mondo del...

“La Tana” di Beatrice Baldacci: il film nelle sale in collaborazione con NABA

Dai laboratori dell’Accademia al grande schermo, il lungometraggio “La Tana&rdquo...