QS World University Rankings® by Subject: per il secondo anno consecutivo NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana e nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art & Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

Dalla boutique al metaverso, cambiano i modi di fruire la moda e NABA si adopera per esplorare la dimensione digitale in cui il settore sta sperimentando nuovi linguaggi. Gli studenti del Biennio Specialistico in Fashion Design hanno lavorato alla creazione di una prestigiosa collezione virtuale. Venticinque fra i capi raccolti negli anni da Franca Sozzani sono stati trasformati in opere 3D che potranno essere acquistate sulla piattaforma SPIN di lablaco – metaverso NFT per i settori luxury, fashion, arte e cultura. Tutti i proventi verranno destinati al Franca Sozzani Fund for Preventive Genomics at Harvard Medical School.

NFT e fashion: le opere degli studenti del Biennio in Fashion Design

Dal 15 settembre al 30 ottobre, gli artworks e i relativi abiti della storica direttrice di Vogue Italia saranno in esposizione e vendita presso la sede di Fondazione Sozzani, in via Enrico Tazzoli 3, a Milano. Qui, verranno aperte le porte della collezione e i visitatori potranno scoprire la provenienza di ogni pezzo dal momento che la tecnologia blockchain di SPIN traccia tutti i possessori che si susseguono nel tempo. Digitalizzate in tre dimensioni, le creazioni vintage entrano così nel futuro del sistema moda con un progetto che promuove la circolarità attraverso le applicazioni del Web3.

Gli studenti di NABA che hanno lavorato al progetto sono: Carlotta Civolani, Chiara Amico, Maria Llinares Torregrosa, Fatma Süleymanoglu, Gizem Nur Bag, Sureyya Süleymanoglu, Jiabei Gao, Arda Paris Akay. A supportarli, l’alumna del Biennio in Fashion Design Akanksha Srivastva. Questo processo ha, di fatto, arricchito le competenze acquisite durante il loro percorso formativo. Come sottolineato da Colomba Leddi (Fashion Design Area Leader), quest’esperienza ha offerto un’opportunità unica per maturare nuove abilità e rinnovare la consapevolezza delle proprie radici. Inoltre, l’idea dell’archivio viene ridefinita ampliando il range di possibilità a disposizione di chi vuole fare moda.

News correlate

“Dual Life”: i progetti degli studenti NABA per il contest di design Leifheit

Trasformare uno strumento per la pulizia della casa in elemento d’arredo: questa la sfi...

Lavorare come scenografo: i percorsi professionalizzanti di NABA

Dai laboratori dell’Accademia ai set delle produzioni internazionali: nell’Anno A...

Milano Bike City reloaded: valorizzare la mobilità sostenibile

Il rispetto per l’ambiente ispira i progetti grafici degli studenti del Biennio Special...