QS World University Rankings® by Subject: per il secondo anno consecutivo NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana e nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art & Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

NABA prende parte a “Behind the Canvas” l’esperimento artistico che ha dato vita alla prima opera partecipativa creata durante un’Instagram live, presentata da Bombay Sapphire.

Un progetto a 360° che per la sua realizzazione ha coinvolto gli studenti NABA delle Aree Communication and Graphic Design, Design e Visual Arts.

Gli studenti sono stati infatti chiamati a dare una loro personale interpretazione dell’opera d’arte partecipativa, realizzata a partire dai profili di Paolo Stella, Influencer e Direttore Creativo, e di Giuseppe Lo Schiavo, uno dei principali esponenti della Crypto art in Italia, in un NFT* digitale realizzato chiedendo l’aiuto della community del social, rendendo gli utenti protagonisti dell’opera.

Gli oltre 200 studenti dell’Accademia iscritti al contest, a partire dal booklet virtuale realizzato dall’artista Lo Schiavo hanno avuto la possibilità di creare il loro personale artwork. Tra le tante proposte le tre opere degli studenti Yan Varisco, Filippo Vacca e Nathalie Roekaert sono state premiate il 1° dicembre come le migliori, per venire poi caricate sulla landing page dedicata all’iniziativa dove saranno scaricabili gratuitamente in versione wallpaper.

Il 1° dicembre è stata anche l’occasione del reveal dell’opera conclusiva di Behind the Canvas: dal giorno della live Giuseppe Lo Schiavo ha lavorato per rendere l’artwork definitivo e lasciar sbocciare al suo interno una fioritura di botanicals che ha ricoperto l'intera stanza e tutti gli oggetti contenuti all'interno. Il progetto iniziato negli scorsi mesi ha coinvolto anche i giovani talenti di Domus Academy, i cui alumni hanno realizzato i lavori presenti nel setting fisico che ha ospitato l’opera.