QS World University Rankings® by Subject: per il secondo anno consecutivo NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana e nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art & Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

Anche quest’anno NABA ha preso parte a Milano Moda Graduate 2021, l’evento promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana in contemporanea con Milano Fashion Week Women’s Collection. La manifestazione dedicata alle eccellenze delle scuole di moda italiane nel corso della sfilata tenutasi presso La Permanente, ha visto la partecipazione dell’alumna del Triennio in Fashion Design dell’Accademia Juliene Rosa Quaglio e la sua “lalalangue collection” tra i nove finalisti della categoria fashion design. 

Anche la studentessa del Triennio in Fashion Design Laura Bigogno è stata selezionata nella sezione speciale di YKK Italia, main partner dell’evento, tra gli undici designer delle scuole italiane invitati a presentare un look focalizzato sugli accessori da chiusura.

“lalalangue collection” di Juliene Rosa Quaglio, è una capsule collection composta da 5 look che si ispira ai concetti lacaniani di femminilità, godimento e linguaggio, esplorando la voce, intesa come un’attività inconscia che allo stesso tempo si risveglia nella spontaneità dei movimenti e dell’improvvisazione. Per tradurre questo concetto nel modo più completo, la studentessa ha utilizzato degli scarti di tessuti per dar vita alle pellicce e false cimose per la maglia, rendendo il progetto etico e sostenibile, e utilizzato lavorazioni in free-motion quilting ispirate alla spontaneità della voce, al funzionamento “libero” del pensiero e da ciò che le veniva in mente mentre cuciva.

A Milano Moda Graduate, la studentessa Laura Bigogno ha invece proposto, utilizzando gli accessori di chiusura messi a disposizione da YKK Italia, un capo creato a partire dal concetto di corrosione, un processo naturale e irreversibile di consumazione lenta e continua che talvolta può essere provocata dall’intervento dell’uomo. La caratteristica del suo outfit è proprio quella di trasferire il cambiamento provocato dagli eventi attraverso la possibilità di variare la forma del capo, secondo la volontà di chi lo indossa, attraverso elementi collegati da zip.

 

Cover: ph. Davide Marchesi

News correlate

Il Castello di Borgo Adorno, l’opera di Clemen Parrocchetti e i workshop in Textile Design

Un’opportunità formativa per imparare a fare sistema, per trasferire l’ere...

La partnership tra NABA e UNINETTUNO, il Master in Fashion Law

Un percorso pensato per formare figure legali e manageriali capaci di operare all’inter...

NABA ha presentato “Fashion Poetry”, un workshop a cura di Oliver Saillard

NABA è lieta di annunciare che studenti del Triennio in Fashion Design del campus roma...