QS World University Rankings® by Subject: per il secondo anno consecutivo NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana e nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art & Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

NABA partecipa all’edizione della Roma Fashion Week di febbraio 2022, organizzata da Altaroma, uno dei principali appuntamenti della moda italiana, con “Fashion Poetry” il documentario della regista Silvia Morani che racconta il workshop con Olivier Saillard, storico della moda e curatore, che ha coinvolto gli studenti del Triennio in Fashion Design del campus di Roma, con la partecipazione della modella e performer Axelle Doué.

Per seguire la proiezione in anteprima basterà collegarsi il 3 febbraio alle ore 15 sulla piattaforma digitalrunway.altaroma.it creata dalla prestigiosa istituzione romana promotrice della Roma Fashion Week per favorire la partecipazione e l’interazione virtuale del pubblico.

Il documentario è il racconto del workshop e della performance che si sono tenuti dal 29 novembre al 1° dicembre 2021 nella sede romana dell’Accademia; un percorso che ha accompagnato gli studenti in un processo di rimodellamento poetico per donare nuova vita ad abiti dimenticati nell’armadio, concentrandosi sul valore di “moda poetica” di cui Saillard auspica e realizza un ritorno.

Il tema della reintroduzione della poesia nell’abbigliamento, che gli studenti hanno avuto l’opportunità di approfondire nel corso del workshop, è infatti al centro del lavoro di Olivier Saillard, Director della Fondation Azzedie Alaia e initiateur di “Moda povera”.

Hanno partecipato al progetto:

Olivier Saillard, Fashion historian and curator
Axelle Doué, Model and performer
Gaël Mamine, Artistic collaborator
Aymar Crosnier, StudiOlivierSaillard manager
Colomba Leddi, NABA Fashion Design Area Leader
Studenti del Triennio in Fashion Design di NABA: Ludovica Berardi, Diana Borea, Chiara Campus, Erika Cespa, Micol Caroselli, Luca Colarossi, Sara Cotino, Roberta Cuomo, Simona De Michele, Daniela Di Pastena, Veronica Drago, Attilio Grecola, Beatrice Grisanti, Arianna Ida, Dylan Lemos, Marianna Losardo, Matilde Manca, Barbara Mara, Carla Mariani, Alessandro Meli, Gabriele Nestonni, Altea Patrizi, Chiara Petrilli, Martina Riccardelli, Simon Dante Russomanto, Flavius Tanasa, Ilenia Zambotto

Silvia Morani, Film direction and editing
Andrea Boccalini, Cinematography
Alessandra Salvatori, Location sound mixer
Diego Manfreda X Giulio Scarnecchia, Music
Alessandro Bernardi, Color grading
Fabrizio Bacherini, Sound mix
Assistenti alla regia e studenti del Triennio in Media Design e Arti Multimediali: Edoardo Cipriani, Giulia Minella, Alice Pievaroli
Un ringraziamento speciale a Stefano Poletti per la sua collaborazione

Guarda “Fashion poetry“ in anteprima il 3 febbraio alle ore 15 su digitalrunway.altaroma.it