QS World University Rankings® by Subject: per il secondo anno consecutivo NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana e nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art & Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

NABA è lieta di presentare “Foreign Affairs/Affari Esteri”, la mostra parte del Walk-In Studio Festival 2021 e curata da Andris Brinkmanis, Course Leader del Triennio in Pittura e Arti Visive di NABA, che raccoglierà i lavori dei primi diplomati del Triennio in Pittura e Arti Visive in lingua inglese. Il progetto, che inaugurerà il 7 ottobre alle ore 18 , sarà visitabile l’8 e il 9 ottobre dalle ore 10.00 alle ore 19.00 presso la Galleria Otto Zoo situata in via Vigevano, 8 a Milano.

L’ironico titolo Affari Esteri, un termine tecnico normalmente utilizzato per descrivere questioni di pubblico interesse che accadono altrove, viene qui utilizzato in un'accezione più ampia e aperta. Il progetto espositivo, oltre a presentare un gruppo di studenti internazionali, si concentra infatti su alcune premesse e aspirazioni non mantenute dalla modernità e dalla globalizzazione. Allo stesso modo riflette sulle nuove ed emergenti condizioni di scambio culturale e sociale, sui cambiamenti climatici, sulla nuova consapevolezza di genere e più in generale, sulle complesse condizioni del presente, viste dagli occhi della generazione più giovane di artisti direttamente coinvolta.

Possiamo ancora discutere della relazione tra affari interni e affari esteri? O dobbiamo invece cominciare a contraddire le logiche estrattive e consumistiche, le rigide divisioni di ruoli, genere, nazionalità, sviluppando un nuovo tipo di consapevolezza che tenga conto delle interconnessioni tra i vari processi e cercare di reinventare una nuova possibile relazione tra varie forme di vita, mondo animato e mondo inanimato. 

Queste sono solo alcune delle domande attorno a cui gli studenti coinvolti si sono interrogati con una chiara consapevolezza di quali siano le urgenze che affliggono la società attuale e decidendo di affrontare queste tematiche in modi diversi. Dalle sculture di Dilan Perişan realizzate durante i vari lockdown, con oggetti di uso quotidiano e sempre disponibili e reperibili, ai fotocollage ingranditi di Hande Ozkalemkas delle camere da letto che hanno caratterizzato la sua permanenza in Italia, diventate lo spazio della sua vita e di quella di tutti. Dalle figure ordinarie che compaiono nei dipinti di Alessandra Risi e Simla Iceli come indici attraverso i quali le autrici costruiscono narrazioni complesse, alla decostruzione dei segni grafici del linguaggio per creare una nuova critica femminista nelle opere di Giulia Mastrangelo. Dalla denuncia della tradizione indiana di matrimoni combinati presente nelle opere di Shailey Shah al video sottile e personale sulle tracce fisiche di dolore di Elsa Sohlberg. Dalla riflessione sulla violenza domestica e sulle molestie sessuali che emerge nel lavoro di Chiara Baertl alle storie materializzate da Irene Inchaurrandieta e Ana Segota. Si crea così una meditazione complessa e corale su tutte quelle vicende quotidiane che si vorrebbero percepire come straniere, ma in cui è possibile subito riconoscersi.

 

Foreign Affairs/Affari Esteri
A cura di Andris Brinkmanis, Course Leader del Triennio in Pittura e Arti Visive di NABA
Grafica Lilia Di Bella, Archive Appendix
Galleria Otto Zoo, Via Vigevano, 8, Milano
Apertura al pubblico 7 ottobre ore 18.00, mostra aperta 8 e 9 ottobre 11.00-19.00
L’evento è parte del festival Walk-In Studio
Accesso consentito solo previa esibizione del Green Pass