QS World University Rankings® by Subject: NABA è la migliore Accademia di Belle Arti italiana ed è presente nella top 100 delle migliori università del mondo per il settore Art&Design
I Corsi
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE LIVELLO VUOI OTTENERE?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO
CHE AREA TI INTERESSA?
SCOPRI IL TUO FUTURO

NABA è lieta di presentare Blackout Book, la mostra-libro nata da un’idea di Marco Scotini, NABA Arti Visive Department Head, e Andris Brinkmanis, Course Leader del Triennio in Pittura e Arti Visive, che sarà pubblicata su Artribune in quattro puntate, ogni mercoledì a partire dal 5 maggio.

Il progetto si ispira all’omonima opera di Nanni Balestrini, artista, scrittore e poeta, più volte ospite di lezioni, conferenze e progetti del Dipartimento Arti Visive di NABA, che alla fine degli anni Settanta concepì l’idea di una sorta di opera per voce sola, in collaborazione con Demetrio Stratos, che doveva combinare frammenti di cronaca tratti dal racconto del blackout di 25 ore che nel ’77 colpì la città di New York, un’azione poetica suddivisa in quattro capitoli narrativi e mai realizzata concretamente. Blackout non è solo l’improvvisa e momentanea interruzione della luce, ma è la cesura, il blocco temporale che sospende tutte le promesse del passato per aprire un incerto futuro.

Blackout Book, che cerca di fare i conti con un’altra sospensione del tempo come è quella che stiamo vivendo, è stato inoltre presentato in un’intervista a Marco Scotini, NABA Arti Visive Department Head, disponibile su Artribune a partire dallo scorso 26 aprile.

Il progetto coinvolge curatori e artisti del Triennio in Pittura e Arti Visive e del Biennio Specialistico in Arti Visive e Studi Curatoriali di NABA dei campus di Milano e Roma, insieme a rappresentanti della Faculty, nel cercare di re-immaginare temi e aree di ricerca che hanno caratterizzato negli anni il dipartimento.

I quattro episodi espositivi ripensano alla produzione artistica attraverso alcuni vettori interdisciplinari e cross-culturali: la memoria e l’archivio, la storia e le narrative femministe e postcoloniali, l’ecologia e la dimensione sociale. Le oltre quaranta opere saranno selezionate da curatori, artisti e docenti dell’Accademia di rilievo internazionale come Ana Dević (What, How & for Whom/WHW), Pierre Bal-Blanc, Carol Yinghua Lu e Liu Ding, insieme a Marco Scotini, e pubblicate su Artribune in uno slide show, dodici per ogni puntata.

Scopri i quattro episodi espositivi il 5, il 12, il 19 e il 26 maggio su Artribune.

NABA presenta inoltre Blackout Sound, il podcast conclusivo del formato espositivo Blackout Book che ha coinvolto il Dipartimento di Arti Visive dell’accademia, disponibile sui canali Spotify, Spreaker, Apple Music e Google Play Music di Artribune e sui canali Spotify e Spreaker dell’Accademia a partire dal prossimo 3 giugno alle 10.30.

Un sound pièce collettivo e collaborativo, a cura di _"A-J!"radio. (Olivier Russo) e Paola Pietronave in cui brani tratti da Blackout si alternano a stralci di conversazioni tra curatori e artisti, stratificazione di una moltitudine di voci per evocare l’attualità delle parole di Nanni Balestrini, flash nel buio del momento storico attuale.

Olivier Russo, Silvia Ontario, Riccardo Bernardi e Vittoria Mascellaro hanno letto gli estratti dal testo, mentre le artiste e gli artisti selezionati hanno preso parte agli incontri per la realizzazione del podcast con il coordinamento curatoriale di Critical Studies Department, spazio sperimentale di ricerca.

Cover: “Io mi fermo qui”, Emanuele Cantò