still-life.jpg

Sarà inaugurata giovedì 20 marzo la mostra collettiva Still life. Not dead yet, progetto conclusivo sviluppato all’interno del Corso Serale di Curatela ideato e tenuto da Andris Brinkmanis Course Leader del Triennio di Pittura e Arti Visive ed Elvira Vannini, docente NABA.

La mostra, ospitata nello spazio Art in the City e aperta fino al 26 marzo, accoglie le opere di 7 artisti tra cui: Cecilie Hjelvik Andersen, Ruben De Sousa, Roberta Garbagnati, Giulia Maiorano, Carlo Miele, Miao Qian e Sarp Renk Özer.

Tema portante della mostra, l’indagine sulle relazioni che intercorrono fra oggetti, individui e contesti.

STILL LIFE. NOT DEAD YET è infatti un gioco di parole che nasce dalla traduzione dall’inglese di “still life” (natura morta) e la sua scomposizione letterale in due termini ben distinti: still (ancora) e life (vita), ovvero “ancora vita”.

Da qualcosa di inanimato e immateriale, l’oggetto diventa fulcro di relazione tra le persone, dando origine a significati. Gli oggetti raccontano storie, vissuti, racconti. Rappresentano infine tracce, che nascono dall’esigenza umana di trasmettere qualcosa che perduri nel tempo. Una sorta di memento mori che s’interroga appunto sulla caducità dell’esistenza.

Still life come nature morte che continuano a vivere aldilà della loro condizione di morte.

20
Mar

Still life. Not dead yet
Opening
Giovedì 20 marzo, ore 18:00
Apertura mostra fino al 26 marzo
Art in the City
Via Medici 15, Milano
Still life. Not dead yet